Cultura

Arte Francescana

By

Dopo diciassette anni nuovamente esposte le tele del Sermei a Rivotorto d’Assisi

ASSISI (PERUGIA) – Sono di nuovo esposte nel santuario di Rivotorto d’Assisi le sei tele di Cesare Sermei, considerato il pittore ufficiale degli ordini francescani per tutto il ‘600.

I sei quadri, recentemente restaurati (anche se ancora privi di cornici), fanno parte di un ciclo pittorico di 12 dipinti, e rappresentano sei episodi della vita di san Francesco e dei suoi primi compagni collegati con il santuario di Rivotorto. Vengono ritratte anche inedite immagini di Assisi.

“Dopo 17 anni – ha sottolineato padre Egidio Canil, parroco di Rivotorto – le 12 tele non erano più esposte al pubblico per due motivi: il consolidamento e il restauro della chiesa per il terremoto del 1984 e lo stato di grave precarietà delle opere”. Il restauro dell’ intero ciclo pittorico è stato promosso dalla comunità dei frati minori conventuali e dalla parrocchia, in collaborazione con la Soprintendenza.

Dalla vigilia di Natale le tele sono esposte nel presbiterio della chiesa, assicurate da un sistema di allarme. L’iniziativa è stata presa in accordo con la Regione dell’Umbria e inserita nel progetto “Immagini e storie dei santi” che ha coinvolto 37 chiese e musei.

“Si tratta di un primo tentativo – ha detto padre Canil – di offrire ai visitatori un capolavoro dell’arte umbra. Restano da restaurare le altre tele e le 12 preziose cornici coeve. Inoltre – ha annunciato il francescano – saranno restaurate le 14 stazioni della via Crucis, di autore sconosciuto, ma di pregevole fattura, che risalgono all’inizio del 18/o secolo”.

Sempre nel santuario di Rivotorto è tornato, dopo il sisma del 1997, il tradizionale presepe allestito attorno al sacro Tugurio, origine della fraternità francescana. Il presepe si estende su una superficie di oltre 75 metri quadrati ed è animato da oltre 200 statuine di diverse dimensioni.

Il presepe, visitabile fino al 13 gennaio, è stato realizzato in due mesi da una ventina di persone (artigiani, tecnici, contadini, artisti) della frazione assisana. Il ricavato delle offerte raccolte sarà destinato a costruire una casa per una famiglia in India nel villaggio di Pandapundi.

INIZIO PAGINA

You may also like